I nuovi stili di pizza più originali ed insoliti – Parte 1


I nuovi stili di pizza più originali ed insoliti – Parte 1

La pizza è sicuramente una delle ricette della tradizione italiana più amate. Come abbiamo già visto nelle diverse regioni italiane la pizza viene preparata in modi diversi, ma ciò avviene anche nel resto del mondo, soprattutto negli Stati Uniti. L’amore per la pizza si è diffuso ormai in tutto il mondo e questa ricetta si è confrontata con nuovi prodotti, nuove abitudini e diverse culture: sono così nati nuovi stili  e modi di preparare la pizza. Cambiano le tecniche di cottura, gli ingredienti, l’altezza dell’impasto, la forma e anche il modo di servire la pizza. Siete pronti per scoprire nuovi e insoliti stili di pizza?

– CALIFORNIA PIZZA
La pizza californiana è solitamente cotta nel forno a legna e servita a fette. La differenza con la pizza tradizionale si trova nel condimento. L’idea è nata negli anni ’80 con lo scopo di trasportare la cucina californiana su una pizza. Originariamente la ricetta prevedeva l’utilizzo di salmone affumicato, crème fraîche e aneto; oggi la California pizza è viene condita anche con ingredienti come avocado, verdure e al pollo.

– PIZZA BAGEL
In questa ricetta l’elemento che cambia è la base: un bagel croccante, condito con pomodoro, mozzarella e qualche ingrediente aggiuntivo come ad esempio il salame. La creazione di questa ricetta è avvenuta negli anni ’70 negli Stati Uniti.

– FRENCH BREAD PIZZA
Per preparare la french bread pizza serve semplicemente un pezzo di pane tipo baguette: lo si taglia a metà, si tostano le due parti e si condisce con pomodoro, mozzarella e altre farciture a piacere. La ricetta è nata negli anni ’60, nello stato di New York, come cibo per gli studenti dell’università.

– JAPANESE PIZZA
Anche in Giappone è stato dato un nuovo volto alla pizza. Ci sono infatti pizzaioli che hanno studiato la cucina italiana e poi hanno iniziato ad usare ingredienti locali, dalla farina al pesce, per personalizzare il piatto. I pizzaioli più innovativi hanno sostituito il pomodoro e la mozzarella con maionese, sashimi di tonno e un pizzico di wasabi.

– TOMATO PIE
A Philadelphia esiste uno stile di pizza davvero particolare che, a differenza di specialità ben ricche e farcite tipiche degli Stati Uniti,  non presenta mozzarella e nemmeno formaggi: l’ingrediente principale è la salsa di pomodoro. La tomato pie ha un impasto abbastanza spesso e morbido ed è servita tiepida in pezzetti a forma quadrangolare.

Per voi il migliore stile rimarrà sempre quello della pizza napoletana verace? Vi aspettiamo nei ristoranti e pizzerie Manuno a Brescia e Trenzano per gustare la vera pizza napoletana verace! 

C'è 1 comment

Add yours